da domenica 6 maggio – dalle 10.00 alle 13.00

Casa Museo Ezechiele Leandro – San Cesario di Lecce (via Cerundolo)

Info www.museoleandro.it - 0832303707

Leandro di Maggio

Quattro domeniche per visitare la casa museo dell’artista salentino Ezechiele Leandro

Il Comune di San Cesario, nell’ambito delle iniziative finanziate con i fondi PIS 11 dell’Unione Europea – Por Puglia 2000-2006, promuove l’iniziativa “Leandro di Maggio”. Quattro domeniche (dal 6 al 27 maggio, orario d’apertura dalle 10 alle 13) dedicate alla visita della casa museo (Museo Personale) e del giardino (Santuario della Pazienza) di Ezechiele Leandro (1905-1981), pittore e scultore di San Cesario di Lecce. Un giro turistico, coordinato dal nipote Antonio Benegiamo, all’interno del museo, per addentrarsi nei percorsi labirintici del Santuario e ammirare la Collezione di sculture. Inaugurato nella seconda metà degli anni settanta, il museo è allestito nella casa del pittore e scrittore e ospita in un locale-galleria le sue opere (circa 700, tra dipinti e sculture). Nel giardino è conservata una sua opera monumentale composta da centinaia di mosaici tridimensionali denominata “Santuario della pazienza”.

L’interesse principale della manifestazione è rivolto alla promozione culturale della figura del grande artista Ezechiele Leandro definito “il prosecutore inconsapevole dei graffiti delle antiche grotte carsiche della nostra terra” da Donato Valli e “un artista eccessivo nello spingersi oltre la surrealtà, oltre ogni limite artistico, esuberante per la molteplicità dell’essere pittore, scultore, scittore, disegnatore” da Ennio Bonea.
La manifestazione sarà chiusa giovedì 31 maggio da un incontro durante il quale si discuterà dell’opera dell'artista.
Le visite saranno arricchite da una buona degustazione di prodotti enogastronomici locali, particolari aperitivi e specialità dolciarie.

Appuntamenti

domenica 6 maggio – dalle 10 alle 13
domenica 13 maggio - dalle 10 alle 13
domenica 20 maggio - dalle 10 alle 13
domenica 27 maggio - dalle 10 alle 13
giovedì 31 maggio – dalle 20.00

Ezechiele Leandro

Nasce a Lequile il 10 aprile 1905.Trovatello,gli viene imposto il nome di Ezechiele Leandro e subito affidato a baliatico. Fino al 1916 frequenta alcune classi delle scuole elementari e lavora come pastore.

Il 14 novembre 1916 Giovanna Ciurlia riconosce Leandro come proprio figlio (senza però potergli dare il cognome) e viene chiuso in convento presso i frati.

Nel 1921 parte per il servizio militare. Nel 1933 sposa Francesca Martina e si trasferisce a San Cesario di Lecce.

Dal matrimonio nascono Maria Pia, Ines,Anna e Angelo affetto da sindrome di Down. Per far fronte ai problemi economici trova lavoro come minatore dapprima in Africa,dove rimane venti mesi e poi in Germania.

Nel 1939 viene richiamato alle armi e assegnato alla caserma della Guardia di Finanza di Mare nel 1941 a Matera,dove si trasferisce con la famiglia che lo segue due anni dopo a San Cesario, essendo stato destinato in forze a Galatina. Nel '46 apre un'officina di affitto ,riparazione e vendita di biciclette,e lavora anche come cementista e incrementa l'attività di rottamaio. Acquista il terreno in via Cerundolo e inizia la costruzione della sua casa (oggi Casa Museo)e trasferisce a Lecce la sua attività di rottamaio che si è notevolmente incrementata.

Dal 1957,dopo aver sperimentato la scultura decide di cimentarsi nella pittura.

Partecipa a vari concorsi,e la tv italiana si occupa di lui nel '62 ,quando inizia la costruzione del "Santuario della Pazienza"e nel 69. Nel '70 è sconvolto dalla perdita della moglie. L'anno dopo espone a Londra,alla "Galleria '70" di Lecce, e partecipa a diverse collettive e personali in tutta Italia ed è a Roma tra i "90 Artisti in Via Frattina". Incontra per un'intervista sulla Gazzetta del Mezzogiorno Antonio Verri,sarà l'inizio di una lunga amicizia.

Nel '72 apre a Lecce la Galleria Leandro e poco tempo dopo espone alla galleria comunale "Il Sedile" di Lecce. Si occupano di lui Toti Carpentieri e Renzo Margonari e anche la Rai TV che trasmette un altro servizio.Intanto i rapporti con alcuni suoi concittadini si fanno sempre più ostili al punto che nel '73 è costretto a sopraelevare il muro di cinta del giardino per difendere se stesso e le sue opere dalle continue aggressioni di chi considera Leandro un "pazzo" creatore di "mostri,pupi" contro i quali addirittura si arriva a chiedere in una petizione di firme che vengano rasi a suolo.Nel frattempo però Leandro riceve riconoscimenti in campo internazionale e continua le sue esposizioni su tutto il territorio nazionale e poi in un tour europeo che lo porta a Lione, Londra, Parigi, Bruxelles, Strasburgo, Berlino e Marsiglia.

Il 12 ottobre 1975 inaugura "Il Santuario della Pazienza" Museo Leandro San Cesario di Lecce. Recensito da importanti testate giornalistiche e cataloghi d'arte riceve il titolo di Accademico dell'Accademia Tiberina di Roma,vince numerosi premi e nel '77 pubblica il suo primo libro "La creazione degli angeli e il peccato di Adamo ed Eva"e nell'80 per il libro "Sentite questo" viene nominato dall'Accademia Internazionale di lettere Arti e Scienze di Bologna "Accademico d'onore a vita".Prepara con la collaborazione del Comune di San Cesario e il Quotidiano di Lecce la grande mostra fissata per il febbraio del nuovo anno presso il Museo d'Arte Contemporanea di San Cesario,ma muore il 17 febbraio 1981.

Ufficio Stampa
Cooperativa Coolclub
Tel./fax 0832303707
Pierpaolo Lala 3394313397
e-mail pierpaolo@coolclub.it -www.coolclub.it

 

[musicaos][interventi][diario][critica][traduzioni][contatti][commenti][ricerca nel sito]

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Musicaos.it dal 2 gennaio del 2004 è una rivista elettronica autofinanziata
che può essere sostenuta gratuitamente dai suoi lettori e collaboratori cliccando nei link che compaiono qui