Lunedì, 2 Luglio alle ore 22.00
presso la sala teatrale di Asfalto Teatro
a Lecce negli spazi dell’ex Knos (zona salesiani) ingresso in via Vecchia Frigole

sarà presentato al pubblico lo spettacolo

Misericordia

(liberamente ispirato dalla Recherche Proustiana)

di: Andrea Cariglia, Simone Giorgino, Piero G. Rapanà

Lunedì, 2 Luglio alle ore 22.00, presso la sala teatrale di Asfalto Teatro, a Lecce negli ex spazi Knos (zona salesiani), destinati dalla Provincia di Lecce ad attività culturali, l’ingresso in via Vecchia Frigole, sarà presentato al pubblico lo spettacolo Misericordia di Andrea Cariglia, Simone Giorgino, Piero G. Rapanà.

Lo spettacolo, liberamente ispirato dalla “Recherche” di Marcel Proust, è “un grande quadro evocativo di lontananze e aspirazioni”. Ha l’andatura di una visione, un grande trompe l’oleil, un illusionismo, dove il teatro si confonde con la musica che diviene il principale artificio narrativo. Le musiche di Henryk Górecki costruiscono il recinto in cui l’azione viene accolta, il loro crescere minimale e sinfonico accoglie i “travagli” di un autore di teatro.
Egli cerca di comporre la sua opera, ma dopo un inizio brillante trova difficoltà ad andare avanti. Più di tutto lo preme il dubbio che in quello che fa ci sia sempre la presenza di forme che non gli appartengono, di rievocare l’opera d’altri più che l’oggetto del suo desiderio. Reputando possano tornargli utili, distende sulla scena i ricordi del suo passato, ma i ricordi ricercati dalla mente non sono uguali alle impressioni che si sono depositate nell’anima, così che l’opera stenta a trovare la propria forma. Si sviluppa così un primo atto alla ricerca dell’opera che si sta rappresentando.
Ma lentamente il senso perduto emerge, e non solo: ma anche un senso nuovo.
L’autore cercando la forma dell’opera ritrova se stesso nell’opera. E la sua vita rappresentata gli si rivela in maniera del tutto differente, con un senso nuovo e misterioso.
Il passo ormai è compiuto, l’incertezza sgominata, è finalmente pronto ad intraprendere quel cammino artistico di cui in un primo momento non intravedeva che un fioco bagliore in lontananza: interpretare le sensazioni come segni di altrettante leggi e idee, facendo uscire dalla penombra il solo vero libro, quello dei caratteri figurati rimasti impressi nel corso della vita, quindi la nostra vera vita, la realtà come l’abbiamo sentita.

Si consiglia la prenotazione
Cell. 338 2433222 - 347 1880889

 

[musicaos][interventi][diario][critica][traduzioni][contatti][commenti][ricerca nel sito]

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Musicaos.it dal 2 gennaio del 2004 è una rivista elettronica autofinanziata
che può essere sostenuta gratuitamente dai suoi lettori e collaboratori cliccando nei link che compaiono qui