Comune di Sternatia Associazione Antàma

Venerdì 16 Febbraio 2007
nell'ambito di
Parole di carta. Sentieri di lettura.

15 dicembre 2006 - 18 maggio 2007

Ex convento dei Domenicani
Piazza del Municipio
Sternatia (Lecce)

Venerdì 16 febbraio 2007

Ore 18,00- Proiezione documentario di Elio Scarciglia: “Odore di Terra” – testo di Marina Manieri con la partecipazione di Toni Candeloro, Laura Nascosto, Enza Pagliara. Voce fuori campo è di Azzurra De Razza

18,45 - Presentazione del libro “Il portone sulla piazza” di Maddalena Mongiò (Manni Ed.) a cura di Teresa Romano

16/02- 13/03 -In Mostra: Michela Del Tinto

Continuano gli appuntamenti con: “Parole di carta”. È la terza delle cinque soste del viaggio nella letteratura femminile salentina questa sera incontreremo Maddalena Mongiò ed il suo libro il “Portone sulla piazza”, ci condurrà, nel mondo di Maddalena, Teresa Romano.

“Odore di terra” l’ultimo lavoro di Elio Scarciglia, si avvale della presenza di Toni Candeloro, Laura Nascosto, Enza Pagliara, Antonio Muci, Cinzia Villani, Sandro Greco ed altri e della voce di Azzurra De Razza. Un viaggio intimo, Odore di terra, alla scoperta di aspetti che questa terra regala solo al viaggiatore amante. Il Salento raccontato attraverso la poesia della sua luce, le nette ombre e le pietre che parlano di antichi ricordi. Un viaggio sottolineato dall'ispirato testo di Marina Manieri che parla di nonni dal viso consumato dal sole, dal vento e da duri mestieri, di corse fra i campi e di “amori bambini giocati tra l’erba”. Un Salento da sogno con il timore di svegliarsi.

Maddalena Mangiò nata a Lecce, vissuta girovaga per l'Italia al momento radicata nella terra salentina. Inquieta anche nel corso di studi: un avvio nel liceo, un diploma da maestra, concorso superato mestiere mai intrapreso. Stessa sorte all'iter universitario, percorso per un bel pezzo e abbandonato per inseguire una ricerca personale, una formazione fuori dagli schemi.
Due soggetti teatrali scritti e rappresentati a Lecce uno a Udine l'altro, un nutrito numero di articoli scritti per Quotidiano, una discreta raccolta di inediti, perché l'unico punto fermo della mia vita è la scrittura.

IL PORTONE SULLA PIAZZA (Finalista Premio Rhegium Julii 2005 - Opera Prima). E' una storia dal sapore antico raccontata con abilità e temperanza. L'autrice dà voce e profilo a maschere tragiche che sembrano spargere i loro sentimenti deformi sulla scena narrativa in maniera ossessiva, coattiva, persistentemente e coralmente lancinante. Un libro singolare veramente. Un punto di incontro fra avanguardia e romanticismo.

Michela Del Tinto, nata il 29 settembre del 1971 dice di se stessa: “Ho iniziato a dipingere 18 anni, con e per rabbia. Blindare i miei pensieri su una tela e far fluire nel colore, nel silenzio e nella materia tutto quello che mi passava per la testa mi rilassava. Più il colore diventava parte di me, più io riuscivo a stare bene. Come ogni rapporto che si rispetti, anche questo legame ha avuto le sue crisi e le sue vittorie, perchè da completa autodidatta non è stato facile far convivere ciò che volevo con quello che poi con molta difficoltà riuscivo a realizzare. Ma la quotidianità, la voglia, la passione ha messo in ombra il motivo iniziale per cui avevo iniziato a dipingere e ha lasciato il passo ad un rapporto valido che a me ha dato e che dopo quasi vent'anni continua a darmi molto.

Associazione Antàma
Ex Convento dei Domenicani
Sternatia (Le)
http://www.comune.sternatia.le.it
http://www.artmajeur.com/paroledicarta/
Info:paroledicarta@hotmail.it
Cell. 339 5607242
Direzione artistica A. Biscuso

 

 

[musicaos][interventi][diario][critica][traduzioni][contatti][commenti][ricerca nel sito]

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7/3/2001. Musicaos.it dal 2 gennaio del 2004 è una rivista elettronica autofinanziata
che può essere sostenuta gratuitamente dai suoi lettori e collaboratori cliccando nei link che compaiono qui