Comune di Putignano
Assessorato alla Cultura

Prima edizione del festival di poesia

“VOI CH’ASCOLTATE”

il 9 e 10 settembre a Putignano



“VOI CH’ASCOLTATE”

“Voi ch’ascoltate”.
L’intitolazione petrarchesca può persino trarre in inganno, ma il 9 e 10 settembre a Putignano (in provincia di Bari) la sola rima ammessa sarà quella tra “poesia” e “masseria”.
Per il resto sarà tutta da scoprire la manifestazione promossa dal Comune di Putignano (con la collaborazione delle associazioni Bosco delle Noci, Sinistra giovanile e Struktura) e affidata dal sindaco Gianvincenzo Angelini De Miccolis alle cure dell’assessore Giuseppe Genco e del direttore artistico Vittorino Curci.
La masseria, dal nome vagamente montaliano, che ospiterà l’evento sarà Monterosso (sulla strada provinciale Putignano-Conversano, al km 1+400), un luogo suggestivo che già negli anni Ottanta fu sede di due indimenticate 24ore non stop di poesia organizzate dallo stesso Curci e da un manipolo di poeti e appassionati del luogo.

Venerdì 9 settembre, con inizio alle ore 21, saranno di scena i poeti
Milo De Angelis, Franco Buffoni, Michelangelo Zizzi e Silvia Breè.

Milo De Angelis (1951) è nato e vive a Milano. Ha esordito nel 1976 con “Somiglianze” (Guanda), un’opera con la quale ha imposto la sua autorità su un’intera generazione di poeti. A sei anni di distanza da “Biografia sommaria” (Mondadori 1999), che è forse il suo libro più rappresentativo, quest’anno, sempre da Mondadori, ha pubblicato “Tema dell’addio” con cui ha vinto il premio Viareggio. La poesia di De Angelis è incardinata nella migliore tradizione moderna. Con la sua drammaticità e la sua pronuncia ferma e distaccata costituisce uno dei maggiori contributi italiani al rinnovamento della lirica europea.

Franco Buffoni è nato a Gallarate nel 1948 e vive a Roma. Insegna Letteratura inglese all’Università di Cassino. Nel 2000 ha pubblicato da Mondadori “Il profilo del Rosa”, un’opera nella quale, con una lingua misurata ed energica, depurata da ogni sentimentalismo, crea continue connessioni tra momenti e luoghi del passato e il presente. Il risultato è una poesia esatta e scattante che definisce uno spazio letterario essenziale e altamente suggestivo.

Michelangelo Zizzi vive a Martina Franca. È autore di due studi sul nostro Novecento poetico: Il Sud e la Luna (Levante Editore 1999) dedicato a Vittorio Bodini e Autoritratto con monade (Multimedia Pensa 2000) dedicato a Girolamo Comi. Nei primi anni Novanta , all’epoca del suo precoce debutto in poesia, Zizzi fu definito da Dario Bellezza “poeta dal forte impianto immaginativo, dalla forza lirica sfrenata, che immette sicuramente nuova linfa nel panorama poetico contemporaneo". Nel 2001 ha pubblicato "La casa cantoniera" (Stampa) - che per Maurizio Cucchi è "uno dei tre o quattro lavori migliori dei poeti della sua generazione" - e nel 2002, da Manni, "La primavera ermetica".

Silvia Breè nata a Bergamo e vive a Roma. Autrice, con Marco Lodoli, del romanzo “Snack Bar Budapest” (Bompiani 1987) e traduttrice del canzoniere poetico cinquecentesco di Louise Labé (Oscar Mondadori 2000), ha pubblicato da Einaudi la raccolta di poesie "Le barricate misteriose", premio Montale 2001, un libro che, abbandonando anche sul piano dei suoni i sentieri più battuti nella poesia italiana di oggi, ha i suoi punti di forza nella luminosa trasparenza del verso e nel dialogo intensissimo tra il paesaggio esteriore e quello interiore.

Sabato 10 settembre, sempre alle ore 21, si avvicenderanno sul palco i poeti
Biancamaria Frabotta, Enzo Mansueto, Mario Santagostini e Mario Benedetti.


Biancamaria Frabotta è nata e risiede a Roma dove insegna Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea all’Università “La Sapienza”. Inizialmente, negli anni Settanta, la sua poesia si alimenta di immagini ed esperienze collegate alla sua militanza nel Movimento femminista, mentre nelle prove più recenti, come “La viandanza” (Mondadori, 1995) e “La pianta del pane” (Mondadori 2003), assume sempre più i contorni di uno struggente viaggio verso le proprie origini. Freschissimo di stampa è il suo nuovo libro pubblicato da San Marco de' Giustiniani: “Gli eterni lavori”.

Enzo Mansueto vive a Bari. È laureato in Lettere e dottore di ricerca in Italianistica. Dal 1992 insegna materie letterarie nelle scuole secondarie superiori. È presente nell’antologia Il Grande Blu il Grande Nero (Transeuropa, Ancona 1988) ed è autore della raccolta di versi “Descrizione di una battaglia” (Scheiwiller, All'insegna del pesce d'oro, 1995). Di lui, Alberto Bertoni, docente di Storia della letteratura italiana moderna all’Università di Bologna, ha scritto: “Artista multimediale e critico, Enzo Mansueto (Bari 1965) incentra il suo primo libro poetico su una legge di varietà e di dissonanza: tematica, metrico-ritmica, intonativa, metapoetica, intertestuale. L'esito è molto alto, poiché tutti questi diversi piani e registri sono tenuti insieme dal forte filo conduttore di un'esperienza del quotidiano completamente priva di accensioni orfiche, a favore piuttosto di un'assolutezza del tempo presente che riporta alla decisiva lezione di Sereni”. Di prossima pubblicazione: la plaquette Ultracorpi (Edizioni d’If), una nuova silloge poetica e svariati progetti multimediali.

Mario Santagostini(1951) è nato e vive a Milano. Oltre che poeta, è critico letterario e traduttore dal tedesco. Nel 2001 ha pubblicato da Guanda “L’idea del bene”, il libro fin qui più apprezzato della sua maturità poetica, nel quale con una lingua asciutta e ripulita da ogni elemento superfluo, “combatte col linguaggio” - come scrive Giuseppe Conte nel risguardo di copertina - “un corpo a corpo intensissimo senza vie liriche di fuga”. Nel 2004 ha pubblicato da LietoColle la plaquette: “La vita”.

Mario Benedetti è nato a Udine nel 1955 e vive a Milano. È autore di uno dei libri di poesia più rilevanti apparsi in Italia negli ultimi anni, “Umana gloria” (Mondadori 2004), dove, con il prevalente utilizzo di un verso lungo, e uno stile semplice che tende e spesso si trasforma in prosa, ha costruito con maestria un linguaggio inconfondibile e potente che sprigiona commozione e un forte sentimento di pietà umana.


Il momento conclusivo della manifestazione sarà un omaggio alla poetessa salentina Claudia Ruggeri, scomparsa tragicamente nell’ottobre del ’96 compiendo quanto già preannunciato in questi versi: «… e quindi e quasi quasi mi misi / in viaggio e col baleno che salva / l’odore mi chiusi nella pelle // del traghettatore: e volli / il ‘folle volo’ cieca sicura tuta / volli la fine dell’era delle streghe volli // il chiarore di chi ha gettato gli arnesi / di memoria di chi sfilò il suo manto / poggiò per sempre il libro » (da Pagine del travaso).
Di Claudia Ruggeri il giovane scrittore Mario Desiati traccerà un profilo critico-biografico e l’attrice Mirella Mastronardi leggerà alcuni testi.

Mario Desiati(1977), di Martina Franca, vive a Roma dove è redattore della rivista Nuovi Argomenti e consulente editoriale. È presente nelle antologie “I poeti di vent’anni” (Stampa 2000) e “Nuovissima Poesia Italiana” (Mondadori 2004). Nel 2003 da peQuod ha pubblicato il romanzo “Neppure quando è notte” e nel 2004, da LietoColle, la raccolta di versi “Le luci gialle della contraerea”, opera finalista alla scorsa edizione del premio Viareggio.

Mirella Mastronardi, è nata a Castellana Grotte e vive a Roma. Diplomata all’Accademia d’Arte Drammatica, si è specializza in doppiaggio e laureata in critica teatrale al DAMS di Bologna. Ha esordito come professionista in teatro nel ‘96 con una serie di spettacoli diretti da Luigi Gozzi. Per la RAI ha realizzato diverse trasmissioni radiofoniche e televisive. Ha inoltre collaborato con i registi Nanni Garella, Giuseppe Liotta, Judith Malina, Alessandro Maggi, Emanuele Montagna, Marinella Manicardi. Dal 1998 conduce laboratori di dizione e recitazione per il Teatro delle Moline di Bologna.


Le due serate del festival saranno completate da brevi “interposizioni sonore ai sassofoni” di Vittorino Curci, Felice Mezzina, Roberto Ottaviano e Nicola Pisani.

Info: culturaturismo[]media.it - tel. 080.4056239.

 
[musicaos][interventi][diario][critica][traduzioni][contatti][commenti][ricerca nel sito]