Un Canone In Canto
crestomazia sonora

Simone Giorgino
cura, selezione, voce


Un Canone In Canto” crestomazia sonora, è il nome di un viaggio che Simone Giorgino ha compiuto nella tradizione della poesia italiana, dal Duecento a oggi. Un viaggio volutamente compiuto con i mezzi che più di tutti appartengono alla nostra tradizione poetica, la voce e l'oralità del verso detto. Il sottotitolo ideale di questo viaggio potrebbe essere semplicemente questo: la voce, i testi. Simone Giorgino, non nuovo ad esperienze di rappresentazione poetica del verso, accanto ad una sperimentazione con reading di propri versi 'dal vivo', ha, negli ultimi sette anni, costantemente sperimentato la lettura e registrazione digitale del verso recitato. “Un Canone In Canto” è un'esperienza che intende porre un punto sulla ricerca effettuata dall'autore, fino a questo momento, una rassegna antologica delle voci, dei migliori testi della nostra tradizione poetica, un'antologia personale della poesia, dal duecento fino al novecento. Simone Giorgino sta attualmente completando la sua seconda raccolta di versi, “Asilo di mendicità”, che verrà accompagnata, non solo idealmente, ad una selezione di suoi testi 'cantati', estratti della sua raccolta di versi.


Vol. 1 – Duecento [scarica lo ZIP completo]

Giacomo da Lentini [scarica qui download]
“Amore è un disio che vien da core”
“Meravigliosa-mente”

Jacopone da Todi [scarica qui download]
“Donna de paradiso”

Guido Cavalcanti [scarica qui download]
“Fresca rosa novella”,
“Chi è questa che vèn ch'ogn'om la mira”,
“Li mie' foll'occhi”,
“Perch'io no spero”

Cecco Angiolieri [scarica qui download]
“Tre cose solamente mi so' in grado”,
“S'i' fosse fuoco”

Vol. 2 – Dante [scarica lo zip completo]

da Vita Nova: I [scarica qui download]

da Vita Nova: "Donna pietosa e di novella etade" XXIII [scarica qui download]

dalle Rime : Per una ghirlandetta [scarica qui download]

dalle Rime : Così nel mio parlar voglio esser aspro [scarica qui download]

dal Purgatorio: Canto XXVI, vv.92-148 incontro con Guinizzelli e Arnaut Daniel [scarica qui download]

Vol. 3– Trecento e Quattrocento [scarica lo zip completo]

Francesco Petrarca
Rerum Vulgarium Fragmenta

I [scarica qui download] "Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono"

XII [scarica qui download] "Se la mia vita da l'aspro tormento"

XXII [scarica qui download] "A qualunque animale alberga in terra"

XXXV [scarica qui download] "Solo et pensoso i più deserti campi"

XC [scarica qui download] "Erano i capei d'oro a l'aura sparsi"

CXXVI [scarica qui download] "Chiare, fresche et dolci acque"

CCXXXIV [scarica qui download] "O cameretta che già fosti un porto"

Lorenzo de' Medici

Canzona di Bacco [scarica qui download]

Angelo Poliziano

da Fabula di Orfeo - El coro delle baccante [scarica qui download]

Burchiello

Cimici e pulci, con molti pidocchi [scarica qui download]


La lezione seguita è quella dell'edizione dei classici della poesia italiana diretta da Cesare Segre e Carlo Ossola, pubblicata per Einaudi-Gallimard e, in edizione economica, sempre da Einaudi.

 



[torna indietro] [musicaos] [simone giorgino legge l'Inferno di Dante]