John Keats

To Autumn

traduzione e nota a cura di

Taddeo Roccasalda


È un poema filosofico, ma molto umano, che, dietro un’apparente descrizione oggettiva, vuole offrire un’interpretazione imparziale della storia umana e naturale; Keats è convinto che ogni organismo vivente (uomo, animali, frutti, piante, insetti) sia mosso dalle stesse forze; che anche in natura esistano le gerarchie (api industriose vs. moscerini luttuosi in balia dei venti). È chiaro che il poeta si schieri a favore delle vittime e degli impotenti (rispettivamente: agnelli, moscerini) dinnanzi ai cambiamenti dei tempi (che appaiono a volte immoti, talvolta lenti, ma anche progressivi); la visione, metaforica, ma concreta della vita, che è perfetta nelle sue contraddizioni, sembra voler accentuare due aspetti in particolare: la maturità del presente e l’ideale di giustizia nel benessere comune (nella seconda strofa ci sono alcune immagini della dea Cerere). Il poema si chiude con il risalto dei suoni autunnali, al calar della sera: anche se la notte-morte si avvicina, e ogni forma svanisce nell’oscurità, le voci (umane, animali) continueranno a farsi sentire, perpetuando la vita nell’unità.

  To Autumn (1819) di John Keats.

Season of mists and mellow fruitfulness,
Close bosom friend of the maturing sun;
Conspiring with him how to load and bless
With fruit the vines that round the thatch-eves run;
To bend with apples the mossed cottage-trees,
And fill all fruit with ripeness to the core;
To swell the gourd and plump the hazel shells
With a sweet kernel; to set budding more,
And still more, later flowers for the bees,
Until they think warm days will never cease,
For summer has o’er-brimmed their clammy cells.

Who has not seen thee oft amid thy store?
Sometimes whoever seeks abroad may find
Thee sitting careless on a granary floor,
Thy hair soft-lifted by the winnowing wind;
Or on a half-reaped furrow sound asleep,
Drows’d with the fume of poppies, whilw thy hook
Spares the next swath and all its twined flowers:
And sometimes like a gleaner thou dost keep
Steady thy laden head across a brook;
Or by a cyder-press, with patient look,
Thou watchest the last oozings hours by hours.
Where are the songs of spring? Ay, where are they?
Think not of them, thou hast thy music too,-
While barred clouds bloom the soft-dying day,
And touch the stubble palins with rosy hue;
Then in a wailful choir the small gnats mourn
Among the river sallows, born aloft
Or sinking as the light wind lives or dies;
And full-grown lambs loud bleat from hilly bourn;
Hedge-crickets sing; and now with treble soft
The red-breast whistles from a garden-croft;
And gathering swallows twitter in the skies.

All’Autunno.

Stagiòn delle brùme e di pièno rigòglio,
amìca ìntima del sòl che matùra,
assième tramàte per ricolmàr di chìcchi
e benedìr le vìti – che cìngono le grònde di pàglia;
e còlle mèle ricurvàr i muscòsi àlberi dei casàli
e rènder matùro ‘gni frùtto sìn’ al tòrso;
per rìgonfiàr le zùcche e i gùsci arròtondàr
con dòlci nocèlle; e fàr sbocciàr ancòra
e ancòr di più, serotìni fiòri per le àpi,
da indùrle a crèder ai bei tèmpi infinìti,
giacchè l’estàte ha stràcolmàto le viscòse cèlle.Chi nòn ti ha vìsto mài nella tùa abbondànza?
Talvòlta, chi si mètta sui tuòi pàssi,
può scovàrti sedùta e spènsieràta in un càmpo di gràno,
coi capèlli sfioràti dal vènto che vàglia;
o in prèda al sònno in un sòlco mietùto appèna,
stordìta dal profùmo dei papàveri, rìsparmiàr
col falcètto il vicìno mannèllo e’l suo intrèccio fiorìto;
e a vòlte, com’ùna spigolatrìce, il raccòlto
tieni sàldo sul càpo mentre guàdi un torrènte;
o al tòrchio per sìdro, con ària paziènte,
attèndi all’ùltime stìlle col passàr delle òre.- Dòve sono i cànti di primavèra? Già, dòve? -
- Non ci pensàr, una mùsica anche tù ce l’hài –
intànto, sbàrre di nùbi avvàmpano il giòrno che lènto si spègne,
tingèndo distese di stòppie c’un tòcco di ròsa;
Quìndi, in còro luttuòso, i mòscerìni
gèmono tra i sàlici del fiùme, in àlto sospìnti
o giù in bàsso - al levàrsi o al calàr della brèzza;
e agnèlli già matùri, sonòri bèlano al limitàr del còlle;
nelle sièpi i grìlli fàn crì crì; ed ora, con tènui acùti
il pettiròsso sìbila nel podère dell’òrto;
e le ròndini, riunèndosi, trìllano nei cièli.

  [INDIETRO][TESTI][MUSICAOS]